Untitled-3

Ravichandra Centro Studi Ayurveda

VASTU

Una delle prime citazioni di questo sistema d'architettura si trova nel poema epico sanscrito Mahabharata che, secondo il testo stesso, fu composto circa cinquemila anni fa in India (moderni studiosi laici gli attribuiscono un'età di tremila anni). Il Vastu può essere utilizzato per la costruzione di singole strutture, ma è anche utilizzato per la progettazione urbana. Uno degli elementi principali del Vastu è il concetto di Vastu Purusha, la forma personale di Vastu. Ci sono vari racconti sull'origine del Vastu Purusha. Uno di questi dice che, all'inizio della creazione, c'era un asura (Demone), che si opponeva ai semidei. I semidei guidati da Brahma spinsero il demone giù sulla superficie della terra, e gli esseri celesti discussero il modo di trattenerlo lì. Brahma chiamò il demone Vastu Purusha. Offrendo il Vastu Purusha come una sorta di redenzione, Brahma ordinò che chiunque costruisse qualsiasi tipo di residenza avrebbe dovuto calmarlo con sacrifici e atti di culto. La forma del Vastu Purusha è rappresentata graficamente nel mandala Vastu Purusha. Il mandala, o diagramma, è quadrato. La forma quadrata rappresenta l'ordine divino mentre il cerchio rappresenta la realtà materiale non ordinata. Il purusha è raffigurato come un uomo, disteso a faccia in giù. La testa occupa la parte nord-est del mandala, e i piedi sono a sud-ovest. Il ginocchio destro e il gomito destro si incontrano nell'angolo sud-est. Il ginocchio sinistro e il gomito sinistro si incontrano nell'angolo nord-ovest. La forma del Vastu Purusha è così contorta per adattarsi ai confini del quadrato. Il quadrato principale del mandala è diviso in 64 (8 x 8) o 81 (9 x 9) caselle. Ogni casella è abitata da un semidio, ognuno prendendo il suo posto sulla forma del corpo del Vastu Purusha. Vastu e il progetto urbano Il primo passo nella costruzione di una nuova città è quello di livellare il terreno. Dopo che il sito è livellato, il mandala Vastu Purusha è disegnato su di esso, e ciò costituisce la base per la progettazione. Una forma molto comune di questo mandala è il quadrato. Molte città indiane, come Jaipur, mostrano segni di progettazione Vastu.
CosmogenesisOfDwelling_fig7
1392031055_b
Durante il secolo passato, molte antiche città sono state scavate in India, che risalgono a quattro o cinque mila anni fa. Le più famose di esse si trovano nella Valle dell'Indo (ora parte del Pakistan), e sono Mohenjo Dharo e Harappa. Il nome di questo sito è generalmente usato dagli studiosi per indicare tutta la cultura che ha prodotto queste città (Harappana). Gli studiosi hanno opinioni diverse circa l'esatta natura di tale cultura. Alcuni dicono che la cultura era vedica, come la cultura della maggior parte degli indiani d'oggi. Altri dicono che la cultura non era vedica, e che il popolo della cultura vedica è arrivato in India in tempi molto più tardi, non prima di circa 3.500 anni fa. Un problema è che la scrittura della cultura Harappana non è stata decifrata in modo tale, da convincere tutti gli studiosi. Alcuni hanno proposto una decifrazione vedica e altri hanno proposto decifrazioni non-vediche. Mentre la questione continua ad essere discussa (io personalmente sostengo una decifrazione vedica, in linea di principio), può essere utile per cercare prove archeologiche sulla natura di tale cultura. Nella primavera del 2008, sono andato in India per studiare la progettazione della città harappana di Lothal, nel Gujarat, in India, che risale al III millennio a.C., per determinare se il progetto soddisfa i principi Vastu. La risposta a questa domanda ha implicazioni per la nostra comprensione del popolo che ha costruito Lothal. Se la città è stata progettata secondo i principi Vastu, ciò significa che è probabile che quelle persone appartenessero alla cultura vedica. A Lothal, il piano del sito del periodo A, che va indietro fino a 4.400 anni fa, presumibilmente 1.000 anni prima che gli uomini di cultura vedica arrivassero in India. Il piano mostra che Lothal è stata progettata in forma quadrata, con i lati orientati alle direzioni cardinali. Ciò corrisponde a una delle norme delle griglie del Vastu. Secondo i principi Vastu, un luogo ideale per una città è più alto a ovest e sud che a nord ed est. A Lothal, vi è una decisa preminenza del sud, e poi si scende verso nord ed est. Gli esperti del Vastu dicono che le case di fronte alle direzioni cardinali (nord, sud, est, ovest) sono buone, mentre quelle che affrontano i punti angolari sono esposte alle influenze del male. A Lothal, tutti gli edifici si affacciano alle direzioni principali. Le strade sono orientate da nord a sud e da est a ovest, un'altra caratteristica del progetto Vastu per le città. Secondo i testi Vastu, le acque reflue di scarico devono dirigersi a nord o ad est. Ho scoperto che il principale sistema di drenaggio delle acque a Lothal, nella zona della cittadella, ha lo scarico verso est, così come rilevato nella relazione del sito.
Secondo i principi Vastu, le quattro classi sociali (lavoratori, commercianti, governanti e preti), dovrebbero occupare, rispettivamente, i lati ovest, sud, est e nord di una città. Gli ateliers artigiani ed i cantieri si trovano principalmente nella parte occidentale di Lothal. L'angolo sud-est, centro commerciale di Lothal, è occupato da una struttura identificata come un magazzino. Il piano del sito mostra l'acropoli, identificata come la residenza dei sovrani della città (kshatriya), che si estende dalla parte centrale verso il lato orientale del sito. A metà del limite settentrionale di Lothal è una struttura identificata come un altare del fuoco pubblico, che avrebbe probabilmente visto la partecipazione di sacerdoti (Brahmana). Così le strutture identificate per le quattro classi sembrano essere situate nelle direzioni appropriate. La divinità principale del lato nord del mandala Vastu Purusha è Soma, la luna, e il quartiere su cui comanda la Luna è noto come il "quartiere degli uomini.". La Città Bassa di Lothal, che comprende la maggior parte delle abitazioni, è nella metà settentrionale del sito, mentre la parte meridionale della città è occupata dal settore commerciale, dall'acropoli con il quartiere del governo e dalle zone artigianali. Il piano del sito di Lothal si presenta con un cimitero al di fuori del muro di confine nord-occidentale, e S.R. Rao, l'archeologo che ha scavato il sito, ha detto che il numero di scheletri rinvenuti è abbastanza piccolo per una città delle dimensioni di Lothal. Egli ha stimato la popolazione a quindicimila individui. Così ha ritenuto probabile che la cremazione fosse la forma più comune di trattare i cadaveri. La divinità dello spigolo nord-ovest del mandala Vastu Purusha quadrato di 81 caselle è Roga, la malattia; appena sotto Roga è Papayakshman, la consunzione, e appena al di sotto di Papayakshman è Shosha, il deperimento. Una possibilità che merita considerazione è che le sepolture del cimitero a nord-ovest possano rappresentare casi di sepoltura speciali per le persone che hanno sofferto di malattie considerate particolarmente infauste. Tali persone potrebbero essere state giudicate non idonee per la cremazione. Sulla base del mandala Vastu Purusha, si potrebbe azzardare una previsione archeologica, vale a dire che una zona di cremazione può essere trovata al di fuori del muro di sud-ovest dell'insediamento di Lothal, vicino alla riva del fiume, ormai secco, che un tempo scorreva presso la città. Il lato meridionale del mandala Vastu Purusha è governato da Yama, il signore della morte. L' angolo sud-ovest in particolare è occupato da Pitarah, il signore degli antenati, o Nirritih, il signore del momento di morire, uscire dalla vita. Questo avrebbe senso perché il fiume scorreva da nord a sud, e in genere, nelle città indù, i luoghi cremazione in riva ai fiumi sono di solito posti in modo tale che il fiume trasporti l'acqua contaminata lontano dalle zone abitate della città.
hslwsp
Nell'esaminare Lothal, una città Harappana in India, vediamo che essa è disposta in modo coerente con i principi Vastu. Questa città è del terzo millennio a.C. Il Vastu, che è menzionato nel Mahabharata, è considerato parte della cultura vedica. Quindi questo potrebbe indicare che la città appartenesse a tale cultura vedica. Ciò suggerisce inoltre che il Mahabharata possa essere fatto risalire allo stesso periodo di tempo. L'autore - Michael A. Cremo è autore, insieme a Richard Thompson, del classico "Archeologia proibita: la storia nascosta del genere umano". Il suo ultimo libro è "Human Devolution: un'alternativa vedica alla teoria di Darwin" Il Vastu-vidya (1), la millenaria e ancora attuale scienza dell'abitare, frutto maturo dell'albero dei Veda (2), considera la casa come un organismo vivente, cioè un corpo fisico reso vitale dalla presenza del vastu purusha (3). Nell'eco-sistema generale, la casa è vista come microcosmo rispetto al grande Cosmo, col quale si trova in connessione. Ma secondo il Vastu esiste anche un connubio casa-persona, una corrispondenza speculare fra il corpo della casa e il corpo umano, ma addirittura un'affinità "karmica" con la nostra natura psico-fisica individuale. Se un organo o una funzionalità nella fisiologia della casa risulta sofferente, è probabile che un' analoga patologia insorga nel corpo della persona che vi abita. I pianeti I saggi illuminati della Tradizione vedica hanno meditato profondamente sul significato dei pianeti nel formulare i principi del Vastu. Ciascuna delle otto principali direzioni cardinali (nord, nord/est, est, sud/est, sud, sud/ovest, ovest, nord/ovest), ovvero ogni specifico settore del raggio cosmico creativo, sono governati da un pianeta, per trasmetterne la forza vibratoria e orbitale in ogni punto del sistema solare, fino dentro la nostra casa. In quella posizione il pianeta risplende in tutta la sua potenza, in sanscrito dig-bala. tratto da: www.scienzaeconoscenza.it